Olympus: Home Chi siamo Dove siamo Contattaci Repertorio OlyTOUR  
Download: Copioni Copioni PDF Ricerche Numeri      
Servizi: Cartellone Autori Amici Info

Credits

   

  

Calogero Maurici

 

CALOGERO MAURICI, ragioniere, impiegato.

Nato a Ribera (Ag) ma residente fino a vent'anni a Burgio. Qui inizia la sua prima esperienza teatrale come attore drammatico- comico-brillante. Da circa diciotto annoi vive a Messina dove è anche impegnato nel sociale (volontario della Misericordia) e dal 1993 ricomincia ad intraprendere la sua passione da sempre: Il Teatro, che aveva lasciato per un po' per motivi gravi di salute.

Nel 1996 dirige i Malavoglia con una sua opera "U Fidanzamentu Ufficilali" oltre ad essere il regista, è anche attore in un personaggio (Peppe) particolare, molto comico, espressivo ottenendo in tutti i tre ruoli uno strepitoso successo di critica e pubblico.

Successivamente, spronato dal pubblico, scrive altre opere che dal 2002 vengono rappresentate da tante compagnie della Sicilia e oltre lo stretto.

Dopo un altro grave problema di salute è costretto a rimanere fermo ma nonostante tutto, si rifugia in quei valori che ha sempre creduto fortemente: la fede, l'amore per la vita, per la famiglia, per gli amici, per il teatro e proprio quando pensava di rimanere fermo per sempre, riparte alla grande portandolo tra il 2002 e il 2003 ad essere l'autore più rappresentato in Sicilia per testi in vernacolo.

Da allora nonostante non ha ancora tradotto nessun dei suoi testi, numerose compagnie della Calabria, Puglia, Marche, Liguria, e di recente (Gennaio 2007) nel Lazio, ad Ostia con "A famigghia...difittusa", La Cipria e La Giubba hanno ottenuto uno strepitoso successo pur rappresentando il testo in italiano.

Per sei anni consecutivi è l'autore più rappresentato in Sicilia. Calogero Maurici, lo dice con grande gioia e soddisfazione da non confondere assolutamente con la megalomania. Maurici rivolge alle compagnie teatrali un messaggio di cuore, sincero: di prendere coscienza di autori contemporanei perché ce ne sono di bravi, che scrivono col cuore, ovviamente i classici sono e rimarranno sempre un patrimonio della nostra cultura, ma assicura che i suoi testi ed i testi di tanti altri autori contemporanei di cui Calogero è amico e stima sinceramente non solo siciliani ma anche di altre regioni, meritano di essere messi in scena perche certamente col tempo possono diventare un'altro patrimonio.

Già alcuni dei suoi testi sono considerati dei veri capolavori, perché oltre ad essere molto attuali, scorrevoli, comico-brillanti, riescono a trasmettere quei messaggi che rimangono nel cuore di ciascuno, anche perché sono adatti al pubblico di ogni ceto ed età.

Fra le opere più importanti ricordiamo:

 

- A Famigghia...difittusa;

- Ora ca' a mamma muriu...cu su teni u papà?;

- Camurriusa, capricciusa, piducchiusa;

- Si ti voi maritari a travagghiari;

- Parrinu...pi vocazioni;

- U fidanzamentu ufficiali;

- U Fidanzamentu ufficiali " pa seccunna figghia";

- Vedovo arzillo cerca compagna;

- Papà vogghiu...a minigonna;

- Zitelloni...in casa;

- Bedda di fora...Fracida di dintra;

- Cummari e cummareddi;

- Si Lu ziu Calogero sapi a verità pirdemu l'eredità;

- Soggira e nora...gatta e cagnola;

- Mio marito cocco di mammina;

- Me soggira si voli fari zita;

- Du' pazzi in vacanza;

- Tre fidanzate...sono troppe!.  
 

E-mail:     calogeromaurici@tiscali.it

Telefono: 090/638009

Cellulare: 339/3359882

 

       

Teatro.Org